Il rapporto della Bank of Canada suggerisce cattive notizie per BTC

La criptovaluta sta crescendo in popolarità tra i trader e gli investitori, ma secondo un nuovo rapporto pubblicato dalla Bank of Canada , la maggior parte delle persone che possiedono criptovaluta non la capisce davvero e si sta semplicemente coinvolgendo come mezzo per prendere parte a una tendenza.

Bank of Canada: è probabile che le persone finanziariamente analfabete vengano coinvolte in BTC

Il rapporto afferma che le persone che sono finanziariamente analfabete hanno molte più probabilità di detenere criptovaluta rispetto a quelle che hanno investito o scambiato per molto tempo. Pubblicata alla fine di agosto, la banca afferma che è tempo che le persone portino la loro educazione finanziaria a un nuovo livello prima di passare semplicemente in una nuova sede di negoziazione.

Per raccogliere i suoi risultati, la Bank of Canada ha utilizzato quello che è noto come Cash Alternative Study. I ricercatori coinvolti nella stesura del rapporto affermano nel documento che circa il 47% dei canadesi – quasi la metà del paese – è altamente analfabeta finanziariamente. Circa il 35% si trova nel mezzo, mentre un altro 18% ha una certa conoscenza finanziaria. Si stima che solo il 4% circa dei canadesi rientri nel settore „altamente istruito in materia finanziaria“.

Ecco il vero copertoncino. Lo studio si è svolto tra i mesi di agosto e settembre del 2019, quindi circa un anno fa. Gli intervistati hanno partecipato a un sondaggio e hanno risposto alle domande riguardanti il ​​loro utilizzo del contante e l’adozione di mezzi di pagamento digitali. Inoltre, hanno anche parlato di cosa potrebbe potenzialmente accadere se le valute cartacee o fiat scomparissero completamente.

Il fatto che lo studio abbia avuto luogo un anno fa e sia appena uscito lascia molto a desiderare ed è possibile che la banca stia tralasciando molte nuove informazioni. Dati che potrebbero potenzialmente smentire le sue attuali teorie. Ad esempio, è stato suggerito che gli investitori istituzionali stanno diventando sempre più coinvolti nello spazio crittografico. Aziende come Grayscale, ad esempio, segnalano investimenti in BTC da miliardi di dollari durante il secondo trimestre.

Ciò significa che i clienti scambiavano più di $ 300 milioni in bitcoin ogni mese per un periodo di tre mesi. Inoltre, aziende come MicroStrategy hanno investito più di $ 400 milioni in bitcoin e criptovaluta nelle ultime settimane non solo per scopi speculativi, ma perché la società vede il bitcoin molto più stabile del denaro o di altri asset.

Alcuni dati mancanti?

I trader istituzionali sono da tempo considerati trader professionisti, quindi l’idea che questi clienti investano in bitcoin perché non sanno cosa stanno facendo è un po ‚ridicola. Inoltre, si tratta di grandi quantità a cui stiamo assistendo, il che suggerisce che le istituzioni hanno idee forti non solo sulle dimensioni e la portata dello spazio crittografico ora, ma su quanto diventerà grande in futuro.

La buona notizia del rapporto è che suggerisce che la crittografia sta diventando molto più mainstream. Il documento suggerisce che circa l’84% dei canadesi ha una certa familiarità con le valute digitali.